?>

NINA SEGATORI

1238046_10201364113618814_2027255935_n
Una ragazza anormale in un mondo normale. Uno spirito libero, indipendente, selvaggio, con la passione per i viaggi. Ama leggere, divorare grandi cult e curiosare per il mondo quando non è troppo impegnata a poltrire sul divano. Ambiziosa e curiosa, 100% dolcezza, 100% sfacciataggine. Sempre pronta alle sfide, stimolo vitale come l’aria. Scrivere è condividere la vita attraverso notizie, fotografie e parole. Controcorrente, anticonvenzionale, ama tutto quello che è diverso, originale. Dopo aver scritto per un po’ di televisione in un conosciuto blog del settore, ha deciso di dedicarsi alla sua più grande passione, la vita.


14 luglio 2016: dove sono finite le nostre anime?

Quando stamattina ho aperto gli occhi dopo i fatti del 14 luglio 2016, il primo pensiero è stato quello di buttare di getto sulla tastiera tutta la paura, lo sgomento e l’orrore che mi circola nelle vene. Poi, però, una volta al pc, i pensieri e le parole si sono bloccate nel petto: come puoi spiegare e parlare di una cosa così, senza banalizzare non solo l’accaduto ma anche i sentimenti che scatena in ognuno di noi? Devo essere sincera, forse non dovrei neanche essere qui a scriverne, perché da buona giornalista avrei dovuto prima essere informata al 100%, valutare le fonti, vedere tutti i video e le foto. Ma io, mi spiace, non ce l’ho fatta. Non ce l’ho fatta a guardare il video dell’orrore che filma il tir della morte togliere la vita a me, a te, a loro.

Si, perché quelle vittime siamo noi, gente comune intenta a vivere la vita, a sorridere agli amici, a guardare il cielo con il naso all’insù. Non ce l’ho fatta a catapultarmi in quell’inferno, a guardare negli occhi il panico della gente che scappa terrorizzata. Ci stanno uccidendo come formiche. Quel che è peggio, però, è che la morte è un gran sollievo rispetto alla tortura che hanno deciso di imporci: prima di toglierci la vita, ci strappano l’allegria, la fiducia, l’adrenalina di vivere l’unica vita che abbiamo fino in fondo. Mentre ci si diverte a cercare i pokemon perfino nelle mutande del vicino di casa, c’è gente, nel mondo reale, che si diletta nel progettare come ucciderci nei modi più creativi e crudeli. Il dislivello non potrebbe essere più palese di così. Pensiamoci.

Ve lo dico sinceramente, se sono qui a parlare di Nizza è solo perché da un po’ avevo deciso che fosse arrivato il tempo di dire la mia sui fatti che smuovono il sangue bollente e freddo insieme, che mi circola nelle vene. Nizza, in realtà, è solo uno dei tanti eventi che mi spaventano. Io non prego solo per Nizza, perché oggi andrà di moda l’hashtag, io prego per Parigi, per Istanbul, per la Libia, il Bangladesh, la Turchia, l’Arabia Saudita, gli Stati Uniti, l’Egitto e per tutti quei luoghi vicini e lontani dal mio sedere comodamente seduto sulla poltrona. O forse, smetterò di pregare, perché la cosa che più mi spaventa, non è il nome di quel dio per cui tante persone vengono ammazzate come cani, quello che c’è di più orribile in tutte queste storie di morte è che la mano che le causa è umana. Quello che non riesco ad accettare è che esista gente al mondo in grado di procurare tanto dolore.

Poco fa ho letto un commento: “tutto questo è ad opera dei potenti che vogliono distrarci dai loro interessi economici”. Io vi chiedo, questo cambia qualcosa? Di chiunque sia l’anima nera che manovra i fili dei burattini della morte, rimane sempre il fatto, che sia gli artefici che i mandanti l’anima non ce l’hanno, mentre noi, che non ne riusciamo neanche più a quantificarne la profondità, scoppiamo in lacrime di fronte alla foto di una bambina morta, accanto alla sua bambola preferita. Non lo cliccate quel tasto condividi, la solidarietà condivisa sui social vale quanto un pugno di mosche. Vestiamoci a lutto, piuttosto, perché l’umanità non ha perso solo tanti dei suoi uomini, ma soprattutto tante delle sue ANIME. Questo deve preoccuparci.

firma

 

Tempo di bilanci

Voglio iniziare questa settimana e questo nuovo mese con una parola: GRAZIEQuesto è un periodo di risultati, il sito ha sempre più lettori,  e anche se la maggior parte di loro è silenziosa io vi vedo, vi ritrovo qui, vecchi e nuovi, a curiosare tra queste pagine e la cosa mi riempie di gioia. Siamo un po’ in ritardo con la rivista, questo perché quando si fa tutto da soli anche il minimo contrattempo crea un grande disagio. Ma sono fiduciosa, basta solo lavorare sodo. Comunque, come in tutti i discorsi di ringraziamento, ho una listarella corta ma significativa di persone a cui devo il mio affetto e la mia riconoscenza che non posso non citare. Innanzitutto voi, che mi leggete ogni giorno, che passate di qua e che vagate in questo posto sfacciato ma educato. Senza la vostra curiosità e le vostra presenza qui potrei anche scrivere la Nuova Divina Commedia, sarebbe inutile e anche abbastanza avvilente.

Dopo di voi, cari sfacciati, volevo ringraziare chi collabora con me ogni giorno, tra cui il mio fido Nicolas Guerrieri, un ragazzo dal cuore tanto grande da mettere a completa disposizione di Cheeky tempo, passione e conoscenza. Un ringraziamento speciale, ma soprattutto un grandissimo in bocca al lupo alla mia adorata Francilla, che ha collaborato con me per un po’ e che ora è impegnata in tanti nuovi e straordinari progetti. Non ci sono parole per lei, visitate il suo blog e vi renderete conto da soli che spettacolo di persona è. Un’altra donna d’oro, a cui va tutto il mio affetto e la mia ammirazione è Lié Larousse, la poetessa del mio cuore. Dovete visitare il suo blog, le sue poesie e ciò che sceglie vi entreranno nell’anima, portando luce anche negli angoli più bui di essa. E’ la persona più dolce e adorabile che io abbia mai incontrato e chi mi conosce sa che non sono una dai facili complimenti…anzi.

firma

Le novità dell’ anno nuovo

imm

Buon anno nuovo, siamo finalmente tornati dalla pausa natalizia! E’ anno nuovo, tempo per i comuni mortali di conti e resoconti, somme e sottrazioni, di buoni propositi. Per loro, però, non per me. Essendo mortale ma non comune, talvolta non esente da quei vizi e difetti che qualcuno raggruppa sotto il termine di omologazione, ho stilato, mio malgrado, una lista di cattivi propositi, da rispettare categoricamente pena l’autoumiliazione. L’obiettivo è quello di  nutrire l’ego  come un vitello grasso. Voglio farlo lievitare come un mostro mangiauomini, che divori in un boccone quelle amicizie e situazioni ormai sbiadite che altro non fanno che attentare ad un cuore già fragile di per sè. I passi per la preservazione della “mia” specie sono pochi ma non semplici.

1.Pensare di più a se stessi: se vuoi fare una cosa, falla e al diavolo tutto il resto. Si scatenerà, così, una catena di luoghi comuni, odiosi ma sacrosanti, della serie “chi mi ama mi segua” e se nessuno lo fa, allora “meglio soli che male accompagnati“. Minchiate da almanacco ma niente di più giusto per una lista come questa. 2.Mettere un fisico bestiale: qualunque sia il tuo canone di bellezza, l’obiettivo è raggiungerlo. Il mio, e non è detto che sia giusto ma come anticipato si parla di cattivi propositi, è l’immagine delle gambe di Naomi Campbell. Non importa che tu sia magra o in carne, alta o bassina, avere delle gambe muscolose ed asciutte  è un diktat senza discriminazioni. 3.Saper fare anche solo una cosa, ma farla al meglio: questa è la grande verità che mi ha insegnato mio padre. Da anni lo sento ripetere “non importa cosa vuoi fare, l’importante è diventarne il numero 1.” Se ci si pensa bene questo non è nient’altro che la perifrasi di “coltiva le tue passioni” ma con un pizzico di ambizione estrema in più. Non si tratta di diventare un magnate dell’alta finanza o uno scienziato, o probabilmente si, ma semplicemente “non importa quanto il tuo sogno sia sciocco, realizzalo ma diventa il migliore.” Per riuscirci ci vuole il fisico del punto 2, inteso stavolta in senso metaforico. Sacrificio e costanza le parole chiave.

Passiamo alle cose concrete. Tante le novità su cui ho lavorato per Gennaio. Innanzitutto il primo e ufficiale numero di Cheeky, dopo il test di settembre si parte il 12 gennaio,  in contemporanea con l’evento Firenze4Ever organizzato a Firenze dalla boutique LUISAVIAROMA. Vi parlerò anche della tappa romana del tour di Dente e vi racconterò, attraverso le immagini, quanto ci siamo divertiti al Teatro della Quirinetta insieme a lui. Vi mostrerò posti di Roma in cui non avete mai mangiato e sono sicura che vi verrà voglia di provarli presto. E poi tanti nuovi artisti, scrittori, stilisti emergenti e unconventional stuff. Tra le novità anche l’ hashtag ufficiale #animeribelli , il luogo- foce del sangue caldo che ribolle nelle vene dei curiosi cronici come me. Scrivete lì i vostri pensieri, conosciamoci, riuniamoci in una piccola ma potente nicchia di gente sfacciata che ha qualcosa da dire. Cheeky è fatta di voi, dei miei amici collaboratori ma anche di chi legge e commenta. Quindi mandatemi le vostre segnalazioni, parlatemi dei vostri artisti preferiti, delle vostre canzoni del cuore e dei viaggi che vi hanno segnato per sempre. L’email è sempre quella ninalicious@live.it .

firma

NINA SEGATORI ultima modifica: 2014-11-14T12:23:37+00:00 da Nina