Glastonbury Festival: dal 21 al 25 giugno torna l’evento musicale bohémien dell’estate

Glastonbury Festival: cinque giorni di musica e spettacolo con una line-up d’eccezione. La manifestazione più attesa dell’estate, uno dei più grandi eventi britannici ispirati agli ideali bohémien e della musica alternativa.

Glastonbury Festival
Copyright foto: Instagram @glastofest

Dal 21 al 25 Giugno torna il Glastonbury Festival, il più grande e celebre appuntamento del rock all’aperto, che come ogni anno vedrà alternarsi sul palco artisti e band provenienti da tutto il mondo. La kermesse è organizzata a Pilton, in Inghilterra, a circa 10 chilometri da Glastonbury, presso la celebre Worthy Farm. Anche l’edizione 2017, prevede la partecipazione di cantanti di altissimo livello: gli artisti che si esibiranno saranno in totale 86 e tra questi spiccano i nomi dei Radiohead e dei Foo Fighters  e di altri partecipanti come Katy Perry, George Ezra, Biffy Clyro, The XX, The Cinematic Orchestra e tanti altri. Un cartellone ricchissimo, quindi, per l’edizione 2017 dell’evento più atteso nel panorama della musica pop-rock.

Non solo musica al Glastonbury Festival: spettacoli, danza, cabaret, teatro, e, persino, arti circensi arricchiranno  l’evento che ha un seguito davvero incredibile, sia in termini di spettatori (i biglietti risultano sold-out da Ottobre 2016) che dal punto di vista mediatico. Il pittoresco villaggio di Pilton, nel Somerset, ospita la manifestazione dal 1971. Una location che conferisce uno sfondo suggestivo al festival, in quanto una delle più belle valli dell’Inghilterra, intrisa di storia e misticismo. Si narra, che proprio in questi luoghi sorgesse nel Medioevo un’antica abbazia dove, sembra, sia stata trovata la tomba di Re Artù.

Il primo festival presso la Worthy Farm fu il Pilton Pop, Blues & Folk Festival; si tenne nel settembre 1970 e ospitò circa 1.500 persone, che ebbero accesso alla manifestazione pagando il biglietto del costo di 1 sterlina. L’evento organizzato l’anno successivo, a Giugno, decisamente più grande e gratuito, fu il primo a livello nazionale, diventando così il vero e proprio precursore del Glastonbury Festival, ufficialmente chiamato Glastonbury Festival of Contemporary Performing Arts. La manifestazione, da sempre, mantiene vive le tradizioni alle quali si ispira, prendendo spunto  dalla filosofia hippie e dai movimenti Free.

È questo il motivo per cui uomini e donne di ogni età arrivano sfoggiando i look più eccentrici e stravaganti. Libertà è la parola d’ordine.  Secondo indiscrezioni trapelate, non solo nel 2018 il festival prenderà un anno di pausa, ma si ventila anche la possibilità che dal 2019, il Glastonbury si trasferisca in una location diversa dalla storica Worthy Farm. Sembra si sia già pensato al  Variety Bazaar come nuovo possibile luogo, ma Emily Eavis, organizzatrice dell’evento, a proposito della Worthy Farm dice:

Penso che ci sia più probabilità di tornare qui nel 2019 dopo l’anno di pausa del 2018. Poi nel 2020 sarà il nostro 50esimo anniversario. E nel 2021, potremmo dovere andare da un’altra parte, che chiamiamo Variety Bazaar. Ma ancora non ci sono certezze

Per guardare l’evento in diretta streaming basta connettersi al sito della BBC che dedica al Festival un’intera pagina, con il meglio, le performance degli artisti e i live.

Glastonbury Festival: dal 21 al 25 giugno torna l’evento musicale bohémien dell’estate ultima modifica: 2017-06-21T08:16:17+00:00 da Anna Lattanzi
Written By

Da sempre appassionata di cucina e pasticceria, di libri e letteratura, collezionista di bambole che spesso riprendono le loro forme tra le mie mani. Non amo l'idea di vivere una vita sola ed è per questo che leggere mi rende felice, perché mi concede la possiblità di vivere più volte. Sono sempre più convinta che una buona lettura unita alla scrittura abbatta i confini dell'ignoranza. Amo viaggiare, scoprire posti nuovi, assaporando la libertà che solo la motocicletta sa dare. Sono in continua lotta con il tempo, perché non mi sembra mai abbastanza per imparare e assorbire tutto ciò che è "cultura". annalattanzi@cheekymag.it

Cosa ne pensi?