slash

Come si fa a non andare pazzi per gli EMA, la manifestazione musicale organizzata da MTV che premia i migliori cantanti d’Europa? Gli MTV Europe Music Awards 2014 si sono da poco conclusi regalando uno spettacolo come sempre pari alle aspettative. Orde di fans impazziti e carrellate di Star hanno affollato le vie di Glasgow, la città europea che ha ospitato nella sua arena SSE Hydro l’edizione di quest’anno. Ad aprire le danze una culonica Niki Minaj che grazie al successo degli ultimi tempi si è aggiudicata il ruolo di presentatrice (e Best Hip Hop) e ci ha regalato ben 7 diverse “mise en place” tutte rigorosamente griffate.

Tantissimi gli artisti nominati e altrettanti gli ospiti per uno spettacolo che ha tenuto incollati al televisore 2,7 milioni di spettatori con uno share del  3,7% sul target 15-34enni. Numeri notevoli che vale la pena di analizzare. Innanzitutto per la prima volta Mtv Italia ha trasmesso lo spettacolo live con la traduzione simultanea così da poter seguire lo show in diretta invece che in differita di una settimana con tanto di sottotitoli. Non solo. Quest’anno, infatti, si festeggia il ventennale della manifestazione e cosa c’è di più ipnotizzante dei giochi di luce, fiammate e video memorial? Non rispondete il twerking di Niki Minaj perchè se è per questo ha già fatto più vittime dell’Ebola. Tutto bello, tutto perfetto quindi? No. Nonostante, infatti, gli Ema siano come l’ha definito la stessa presentatrice “la madre di tutti i partytanti sono stati gli artisti che hanno disertato il festone ritirando il premio tramite videomessaggio: Gli One Direction premiati come Best Pop, Best Live, Biggest Fan; Justin Bieber, Best Male per la quinta volta di fila e Katy Perry (Best Video e Best Look) in tour in Australia. Assenti anche i 5 Seconds of Summer premiati come Best New e Best Push.

Qual è quindi il segreto di tanto successo? Non lo sappiamo ma ben conosciamo cosa ha tenuto noi incollati allo schermo. Tutto quello che si vedeva e non, come i segreti celati sotto il kilt di David Hasselhoff e Redfoo, il pancione di Alicia Keys, il riposo di Alessandra Amoroso, le dita medie di quei due “bravi” ragazzi di Slash e Ed Sheeran, gli occhi stralunati di Ozzy, i selfies vip e i photobomb preistorici. E ancora la performance degli U2 con Every Breaking Wave e quella strafighissima e strarock di Slash, Biffy Cliro e Myles Kennedy, omaggio a Ozzy Osburne , vincitore del premio dei premi, il Global Icon Award. Commovente quella di Alicia Keys con la sua nuova We Are Here. Mai avremmo immaginato però il meglio doveva ancora venire. Ed è arrivato alla fine quanto Niki Minaj ci ha dato appuntamento a Milano per il prossimo anno. Wtf? Are you serious?! Fantastico.

Ecco i vincitori e la fotogallery di tutto quello che (non) avete visto.

  • BIGGEST FANS: One Direction
  • BEST SONG: Ariana Grande e Iggy Azalea “Problem”
  • BEST POP: One Direction
  • BEST HIP HOP: Nicky Minaj
  • BEST SONG WITH A MESSAGE: Beyoncè
  • BEST MALE: Justin Bieber
  • BEST ROCK: Linkin Park
  • BEST LIVE: One Direction
  • BEST WORLDWIDE ACT: Bibi Zou
  • BEST LOOK: Katy Perry
  • BEST FEMALE: Ariana Grande
  • BEST NEW: 5 Seconds of Summer
  • BEST ALTERNATIVE: 30 Seconds to Mars
  • BEST VIDEO: Katy Perry “Dark Horse”
  • BEST WORLD STAGE: Enrique Iglesias
  • BEST PUSH: 5 Seconds of Summer
  • BEST ELECTRONIC: Calvin Harris

Questo slideshow richiede JavaScript.

EMA 2014